domenica 30 marzo 2014

Love after love

The time will come
when, with elation
you will greet yourself arriving
at your own door, in your own mirror
and each will smile at the other's welcome,

and say, sit here. Eat.
You will love again the stranger who was your self.
Give wine. Give bread. Give back your heart
to itself, to the stranger who has loved you

all your life, whom you ignored
for another, who knows you by heart.
Take down the love letters from the bookshelf,

the photographs, the desperate notes,
peel your own image from the mirror.
Sit. Feast on your life.


Amore dopo amore
Tempo verrà
in cui, con esultanza,
saluterai te stesso arrivato
alla tua porta, nel tuo proprio specchio,
e ognuno sorriderà al benvenuto dell'altro,

e dirà: Siedi qui. Mangia.
Amerai di nuovo lo straniero che era il tuo Io.
Offri vino. Offri pane. Rendi il cuore
a se stesso, allo straniero che ti ha amato

per tutta la vita, che hai ignorato
per un altro e che ti sa a memoria.
Dallo scaffale tira giù le lettere d'amore,

le fotografie, le note disperate,
sbuccia via dallo specchio la tua immagine.
Siediti. È festa: la tua vita è in tavola.

10 commenti:

  1. L'Io, portatore di omogeneità mortale, deve restare straniero.

    RispondiElimina
  2. E finalmente saremo un tutt'uno. Buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il vero lieto fine di una grande storia d'amore. Buona settimana, Alberto :)

      Elimina
  3. Risposte
    1. Grazie, anche nella tua, sorella, disse lei con le palme rivolte al cielo :)
      :*
      <3

      Elimina
  4. La ricomposizione dell'io diviso non tocca solo lo schizofrenico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E come, Ambra. Che grande verità hai espresso. Che grande verità.

      Elimina
  5. le lettere d'amore però no, che mi viene nostalgia
    :-)

    RispondiElimina