giovedì 16 ottobre 2014

The way we were

"!!! Pronto!!! Ma davvero sei tu??? Sei tu davvero???"
"Ciao, Cri. Ti disturbo?"
"Seeeeee! Certo che mi disturbi, e come no!"
"Sul serio, ti disturbo?"
"Ma che dici, tu disturbi? Tu? E poi come fai a disturbarmi? E' pomeriggio inoltrato e qui non c'è più nessuno, non sto facendo niente. Mica lavoro da un commercialista, io."
"Ahem. Ma è possibile che facciate tutti cinquant'anni? Vivo circondato da cinquantenni. Ma è proprio vero che hai fatto cinquant'anni anche tu?"
"Oddio, mi commuovi, te ne sei accorto solo dopo un mese. Ecco perché m'hai chiamato così all'improvviso! E com'è che ti viene in mente proprio adesso? Ah, ci so' arrivata! Ieri ha fatto cinquant'anni Fabio, tu gli hai fatto gli auguri e lui ti ha ricordato che anch'io... Oddio! Meno male che m'hai chiamata, mi sono dimenticata del compleanno di Fabio, come ho potuto!"
"Ahahah. E insomma, adesso sei una cinquantenne. Incredibile."
"Beh, tu sei un sessantenne, se è per questo. Ancora più incredibile."
"Mpf."
"Pensa, quando ci siamo conosciuti avevi trentun anni"
"Trentun anni? Cavolo."
"Sì, tu trentuno e io ventuno. Praticamente ti conosco da ben oltre metà della mia vita. E circa metà della tua."
"Era il 1985, allora?"
"No, il 1986. Aprile. Vabbé, tu ne facevi trentadue ad agosto, io ventidue a settembre. Il tempo vola, vero?"
"Accidenti. Impressionante. E quanto sei stata con noi?"
"Da aprile 1986 a febbraio 1989. Poco, no? Proprio poco, a paragone del segno indelebile che ho lasciato a studio in tutti voi."
"Eheh."
"Davvero, sai, senza scherzi, quello è stato il periodo più felice della mia vita. Della mia vita fino a quel momento, perlomeno. Non me ne dimenticherò mai, finché vivo. E quando avrai cent'anni e io novanta ti farò gli auguri per il compleanno anche allora..."
"Eh, stai fresca. Ce ne vole. Campa cavallo. Avoja!"
"Ahahahah, sì, hai ragione. Avoja!"
"Senti, quant'è che non vieni a trovarci?"
"Boh sarà un anno, più o meno."
"Perché non passi?"
"Perché avete sempre da fare! L'ho detto a Rosi: fatemi un fischio, e io arrivo con le paste, così festeggiamo assieme tutti i compleanni tondi di questo 2014."
"Con che arrivi?"
"Con un vassoio di paste! Ma tu tanto non ci sei mai, lo so. Conosco il tuo essere un po' orso, e lo rispetto."
"Ma non è vero, dai. E poi mica dev'essere un giorno che va bene solo a me. Dev'essere un giorno che va bene a tutti."
"Ah, le paste vanno bene a tutti sempre, lo sai. Non li conoscessimo, io e te! Organizziamo, allora?"

(...)

"Allora restiamo così."
"Grazie di avermi chiamato."
"Grazie a te. Un bacio."
"A te tanti. Tanti baci. Ciao, a presto!"
"Stammi bene, Cri. Mi raccomando. Dico davvero."
"Stammi bene anche tu. Tanto. Davvero davvero, caro boss."

Sono una donna di mezza età. Non ho più giovinezza, non ho la forza di un tempo, non ho più speranze né grandi sogni. Bellezza non ne ho avuta mai. Ho dispiaceri, invece. E ansie. E dolori.
Ma voglio bene da quasi trent'anni a una persona speciale che da quasi trent'anni mi vuol bene.
E se non fossero passati trent'anni non ne avrei avuta una così rotonda, esatta consapevolezza.
Perciò va benissimo così.
Non c'è nessuno al mondo più ricco di me.

14 commenti:

  1. Se mezza età sono i 50 allora diciamo che hai 18 anni con con 32 di esperienza ;-) Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Antonio! Almeno sono diventata maggiorenne ;) :D

      Elimina
  2. Purtroppo di dolori e dispiaceri ne abbiamo tutti. In pochi però hanno queste amicizie. Sono felice per te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella vita capita di puntare su poche, selezionate persone. Alle volte si perde, e fa male, tanto male. Ma alle volte invece si vince tutto il banco, e quelle volte compensano tutto ;) :)
      Grazie, AGO... Dai che ci vediamo presto anche noi due! ^_^

      Elimina
    2. In questo caso mi duole deluderti. Ho appena ricevuto notizia di un viaggio di lavoro a cavallo del week end. Ti mando un sms. Scusa

      Elimina
    3. Duole anche a me, AGO: soprattutto perché così non ho più scusanti per farmi trascinare dal marito, durante le ore non coperte dal "planning" della nostra perfetta organizzazione di amici blogger, alla mostra di Tex Willer... :D
      (Non importa: altri trent'anni di vita spero di averne, mi ci impegno. Ce la faremo un'altra volta, in questo lasso di tempo! ^_^ )

      Elimina
  3. Risposte
    1. Nell'omissis ci sei anche tu, Lisa: mi ha chiesto anche di te ;) :)))))))

      Elimina
    2. Eh, tu e io sappiamo che lo è ;) :)

      Elimina
  4. I 50 anni rappresentano la pienezza di sé. Fuori c'è ancora un futuro, mentre dentro c'è un passato carico di eventi che ti rendono consapevole di esistere per godere della tua esistenza. Belli i tuoi 50 anni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che formidabile e splendida sintesi mi offri, Ambra! Belli i 50 anni, rigogliosi e fecondi; e bellissima tu, dentro e fuori, di mente e di cuore!

      Elimina
  5. Beata te. Io non ricevo mai simili dolci e belle telefonate, piene di gioiosi ricordi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un bugiardissimo bugiardone <3
      Sia per i dolci che per le telefonate!
      (Domattina ti chiamo, così ti racconto e mi racconti. E vediamo un po' che esce fuori!)

      Elimina