mercoledì 2 ottobre 2013

Il giardino delle delizie


AHAHAHAHAHAHAAHAHH!!! LO SAPEVO! Lo sapevo che avrei vinto la scommessa!
Sono diventata una fine politologa, ahem.

E nel clima di "pacificazione" che ha auspicato il Caimano durante il suo grave discorso cominciano già i distinguo: Sacconi smentisce Formigoni che aveva affermato che "ormai la fiducia di Berlusconi è tardiva" e che i nuovi gruppi parlamentari avrebbero comunque visto la luce; Zanda rimbecca Bondi, Nitto Palma se ne va per dissenso con Zanda, e PD e PDL cominciano a darsele di santa ragione: bagarre in aula.
Per non essere da meno avevano cominciato i grillini, minacciando ed offendendo la senatrice Dal Pin, ex appartenente al Movimento, che aveva dichiarato di votare la fiducia al governo per evitare la follia di rimandare il Paese a votare col Porcellum.



E il commentatore del Wall Street Journal Simon Nixon twitta: "Berlusconi declares his support for Letta government and all of Europe collapses in laughter at the absurdity of Italian politics."
Devo tradurre?




9 commenti:

  1. e ci voleva davvero una palla di cristallo... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahaahah, non sminuire le mie brillanti intuizioni!!! :D :D :D

      Elimina
    2. no, non di cristallo, le palle...

      Elimina
    3. Se fossero d'altro materiale non staremmo come stiamo, a mio parere!

      Elimina
  2. Risposte
    1. In una guerra di potere dove il sangue è pomodoro.
      (Di quest'organismo geneticamente modificato non ci libereremo mai. Ormai ne sono arciconvinta)

      Elimina
  3. Un teatro, quello dell'assurdo, hanno distrutto e seguitano a distruggre il nostro Bel Paese. Come se non bastasse tutto il mondo ci seppellisce di risate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che altro si può fare? Vien proprio di allargare le braccia. Se non di vedersele cadere in terra.
      Ti dedico in anteprima il mio prossimo post: il tweet di Spinoza a firma di eio, il blogmaster proprietario del forum in persona: "Berlusconi tradisce Berlusconi. Non ci si può più fidare di nessuno."

      Elimina