giovedì 29 marzo 2012

Breakfast on Pluto

Vorrei ringraziarvi tutti, perché ci siete.
Alla fine è solo questione della mia mancanza di esperienza di vita. Questi sono incidenti che capitano a chi non è abituato, non è esperto, appunto. Come il neopatentato che tampona, o la dattilografa in erba che fa errori di battitura. Inconvenienti da mettere in conto quando non padroneggi la materia.

Eppure so che - purtroppo o per fortuna - per motivi genetici o determinanti influenze dell'ambiente negli anni cruciali della mia esistenza - una parte di me resterà per sempre uno splendido, indomabile, irriducibile freak. So che non dovrei farmene vanto. Ma il mio essere disarmata è tutto quello che ho.

Ho visto tante volte questo film, piangendo di emozione. Voglio bene a Patrick-Kitten (e a Cillian Murphy, l'attore che nel film lo abita con tanta intensità e delicatezza), è mio fratello, so perché si comporta così. E so perché, alla fine, così esposto, fragilissimo e vulnerabile, è ostinatamente più forte di tutto, e riesce non solo a sopravvivere, ma a vivere, vivere intensamente, librandosi nel cielo come la canzone dei Rubettes. Perché, per quanto cerchino di ferirti, di deriderti, attentino alla tua vita, ti brucino la casa, nessuno può farti niente, se tu sei su Plutone, se ti sconvolgi, sanguini, nell'anima e nel corpo, ma non ti pieghi perché, semplicemente, non puoi farlo, perché non puoi essere altro che te stesso, quell'essere strano e meraviglioso che ti sei forgiato da solo, in totale isolamento e autonomia, che si autoalimenta del suo proprio amore e ne irradia ingenuamente, spontaneamente, inesauribilmente, a chiunque, amico o nemico, gli attraversi la vita, in modo miracoloso e incognito anche a se stesso.

Vi stringo tutti sul cuore.

13 commenti:

  1. Molto, Melanzanina mia. Ma è rimediabile :)

    RispondiElimina
  2. Cri, la prossima volta che scendo questo CE lo vediamo!
    Un bacione ché il resto giàssai. ;*

    RispondiElimina
  3. Angie :D

    non sai quanto avessi bisogno del tuo bacione in questo preciso momento. Non sai <3

    :*

    RispondiElimina
  4. Sai, masticone, sono davvero un'ingenua. Non mi fidavo di stringerti e sono andata a controllare chi sei sul tuo blog, e m'è bastato leggere un paio di post per decidere che contraccambio la tua stretta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sei mal fidata... ma ti voglio bene lo stesso..:)

      Elimina
  5. Questo pomeriggio ho visto questo film sul mio pc-Pasquale scaricandolo download.
    Ometto di scrivere la mia opinione su di esso perché gli altri tuoi lettori possano esprimere liberamente la loro
    sia favorevole sia l'opposto.

    RispondiElimina
  6. Aldo, tu ometti che tanto io so già
    e adesso corri a leggerti il post di Syrys soprastante sugli ometti!!!!!!!!!!!
    ^^

    RispondiElimina
  7. Ho amato quel film, ed ho amato ancora più visceralmente lo spendido libro di McCabe.
    Tra parentesi Cillian Murphy è l'unica cosa decente che Cork abbia mai prodotto ;)

    RispondiElimina
  8. NOOOOOOOOOOOOOOO
    E' DI CORK???????????????
    Mi spiace, sai... Io lo adoro, Cillian Murphy :)
    (Ti abbraccio strettissima, Martina!)

    RispondiElimina
  9. Adoro questo film, in una maniera che credo vada oltre la semplice commozione.
    Un tenero abbraccio alla te stessa che sei. (E sempre un sorriso)

    RispondiElimina
  10. Chimera! Che piacere vederti :)
    Chiariamo che questo film non è un capolavoro... E' forse troppo lungo, in certi punti poco organico, discontinuo. Ma ha alcune ricchezze inestimabili: un inizio e una fine esaltanti, una storia eccezionale, interpreti maiuscoli (l'incredibile Cillian a parte, qui c'è un Liam Neeson prete mai più così bello e seducente da far piegare le ginocchia) e un personaggio protagonista di cui è impossibile non innamorarsi. Ricambio l'abbraccio, e anche la tenerezza. E il sorriso :)

    RispondiElimina