lunedì 2 luglio 2012

Che mi scappa da vivere


E insomma, son tornata, per la gioia del figlio maggiorenne che giovedì sera mi fa:
"Domani, quando partite, svegliatemi presto, eh! Che questi due giorni voglio gustarmeli minuto per minuto."

Rieccomi qua, dopo tanto guidare, guardare, ammirare, posare, sudare, gioire, soffrire, pigliare il sole, litigare, piangere, ridere, godere, respirare.

E questa sono io in un fuggevole attimo di relax da tutte queste cose.






12 commenti:

  1. Ehi .... ehm !
    Di chi sono "quelle belle gambe" ???
    Non ti pavoneggiare troppo, eh ?
    Conosco una mia amica .... che le ha altrettanto belle ... ma lei ha tanto guidato, guardato, ammirato, posato, sudato, gioito, sofferto, preso il sole, litigato, pianto ( ahi ! ), riso, goduto, respirato .... che probabilmente ... se ne è dimenticata !!!
    Ben tornata @Cri ....
    forever @Cri .... gambe degne di @Artemide ! :-)
    E cuore ... di @Afrodite !!!
    @Bruno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io me n'ero dimenticata, Bruno, anzi, credo di non essermene mai resa conto prima di oggi. Meglio tardi che mai... Sarà così anche per la tua amica :D

      (Mi piace essere Artemide! E per avere il cuore di Afrodite ci sto lavorando... ^^)

      :*

      Elimina
  2. :D Oh, oramai la strada la sai...
    Baci! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, la so, e so quanto è bella. Cavoli tua! :P

      <3

      Elimina
  3. Risposte
    1. Sai che ti ho pensato il 30, Dan? ;)

      Dai che prima o poi ci becchiamo e mi racconti anche tu! Nel frattempo vado a leggermi il tuo nuovo post sul tuo blog :P

      <3 pure a te, un pezzone grosso grosso ^^

      Elimina
    2. E come mai mi hai pensato??? Spero non fosse in cattive circostanze.

      Elimina
    3. :D
      No, no, anzi: ti ho pensato in un giorno di festa :)

      Elimina
  4. "Sarà così anche per la mia amica" ?!?
    Chissà ....
    Lei, siede su gradini di pietra consunta ... c' è un cancello antico al suo fianco ... un cancello in ferro che NON sbarra l' accesso a un grande cespuglio di lavanda da cui non è difficile immaginare che le arrivi un famigliare profumo, e accanto, da un anfora in terra cotta, s' affaccia un vaso da cui spuntano, timidi, fiorellini bianchi forse un poco abbandonati ....
    Poggia la testa sulla mano, il braccio sulla bella gamba nuda .... e mi pare una dea pensosa, rimasta un po' troppo lontana dal suo olimpo celeste .... nostalgia, il tuo nome NON è solo Donna !
    A che pensavi @Cri ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A quanto amo la lavanda, al fatto che tiene lontana le zanzare, alla Provenza che me l'ha ricordata. E a come fare per essere felice :)

      Elimina