martedì 29 aprile 2014

Menzogna e sortilegio

"So che qualche volta una bugia si dice per bontà. Ma non credo che riesca mai bene. Il vivo dolore della verità passa alla svelta, ma la lenta, corrosiva agonia di una menzogna non si perde mai. E' una ferita che non si rimargina."

(Me la sto appuntando ovunque questa frase di Steinbeck. Il libro da cui è tratta mi sta dando soddisfazione come e più di ogni opera dei più Grandi, da Dante a Shakespeare. Contiene, sparsi nelle sue pagine come diamanti grezzi su un panno di cuoio, distillati di verità esistenziali della commedia umana che pochi altri hanno saputo intuire e trasmettere. Aveva ragione Angie, è un libro fondamentale. Un'altra delle cose vive che ti fanno sentire viva, e te ne danno anche una buona ragione.)

6 commenti:

  1. Ti coonsiglio Furore se non lo hai già letto, quel libro è un terremoto per l'anima, qualuque cosa questa parola voglia significare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce l'ho già, manco devo comprarlo. E' assolutamente il prossimo ;) E poi intendo continuare con Uomini e topi, e via così...
      Grazie, Antonio :)

      Elimina
  2. Non so se sono del tutto d'accordo. La verità, se l'hai mentita, se l'hai nascosta dietro il tuo desiderio, dietro una grande illusione può essere un fulmine che ti brucia e cambia per sempre la tua vita. La verità può essere qualcosa di brutale, che brutalmente ti colpisce. La menzogna ha un effetto più lento, è vero, è una "corrosiva agonia", è qualcosa di sporco, ma non saprei dire cosa è peggio.
    Non sai quanto sono felice di Ferrara:))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi vengono tante cose da dire, forse replicherò quando torno, perché mi piace che resti scritto il risultato della feconda dialettica tra noi due.
      Ma ne potremo parlare a voce, Ambra mia. Non sai quanto mi dia gioia poter scrivere una frase del genere :)
      :*

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina