martedì 5 giugno 2012

Au revoir les enfants

Oggi pomeriggio mi sono parecchio emozionata.
Ho assistito ad un grandioso concerto per orchestra e corale al Pantheon, insieme a molte persone amate. La musica, le voci angeliche, le mani veloci sugli strumenti, gli sguardi compresi, l'armonia d'insieme di un centinaio di ragazzi, provenienti da punti opposti della penisola - Cuneo, Salerno, Roma -, incontratisi solo ieri per la prima volta, hanno creato un'atmosfera straordinaria, che penetrandomi in ogni poro della pelle è giunta a toccarmi il cuore facendomi - ma no! - sciogliere in lacrime, accompagnate anche da una certa quantità di singulti.
(Sono iperbolica, lo so. Ed entusiasta. Praticamente me stessa. Incomprimibile, insopprimibile, abbastanza indistruttibile.)

Ho parcheggiato la macchina a Piazza del Collegio Romano. Lì c'è un liceo storico di Roma, il Visconti. Ci sono passata davanti e mi sono ricordata che, di questi tempi se non addirittura oggi, esattamente un anno fa, un pomeriggio bellissimo identico a questo, sono stata un paio d'ore scarse seduta sugli scalini d'entrata di quel liceo, in beata spensieratezza, insieme ad un amico. Un amico che mi è stato molto, molto caro.

Ora quell'amico non c'è più. E' morto.

Invece io sono viva, e sono così.


E non mi pare poco.

(La scalinata è ovviamente quella.)

8 commenti:

  1. E' moltissimo direi,
    In...
    In...
    In...
    Sì la scalinata è sempre quella ma chi ci sta seduta è un'altra cosa, distante anni luce da quei gradoni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Aldo, le misurazioni in anni luce mi paiono appropriate ad una stella, ahem ahem, disse lei guardandosi le unghie :D

      Elimina
  2. Mi piace quell'istante di coraggio che hai dovuto tirare fuori nell'interrompere ciò che stavi facendo per dedicarti a questa foto.
    Ah, se fossimo sempre così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale, come hai fatto a leggermi dentro così bene? :)
      :*

      Elimina
  3. Come ti capisco. Purtroppo...bello il nuovo design.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Dan :) (hug)
      Il design è merito di Angie, la nostra Syrys. E non hai ancora visto niente ;)

      Elimina