venerdì 15 giugno 2012

Manhattan al Pigneto


Spero di tramutarmi in un Woody Allen.
Un po' perché mi sembra di assomigliargli, bruttarello, con gli occhiali, tutto cervello.
(Io meno bruttarella ma anche con meno cervello, per cui se facciamo la media mi ci ritrovo)
Un po' perché è un narciso ossessivo che sta sempre a guardarsi l'ombelico, come me.
Un po' perché invecchia restando giovane, perché saggio e disincantato lo era già da quando era giovane, appunto, e anche perché ha il dono di saper ridere di se stesso, tramutando ogni sua pena in fulcro di appoggio per la leva che lo solleverà, facendo sollevare chi lo ascolta.
E insomma, è da ieri che ho in mente l'eterno giochino trito e ritrito che lui espleta così bene in una memorabile scena di Manhattan.
Lui se lo compita per gli stessi motivi per cui ora lo faccio io.
La cosa fichissima è che il suo è compiuto in sé, essendo un brano cult di un film girato decine d'anni fa e per questo immutabile. Il mio invece può aver l'ambizione di essere un work in progress.

Allora, vediamo: le dieci cose per cui vale la pena vivere...

(Le scrivo così di getto, come mi vengono in mente)

La grotta di Byron a Portovenere.
Certi tratti della costiera amalfitana, di quella otrantina, di quella della Riviera ligure di Levante, le falesie nere tra le Cinque Terre e Portovenere, ma anche i dieci chilometri di Flacca tra Sperlonga e Gaeta.
Il panorama delle colline umbre al tramonto.
La Flaminia tra Spoleto ed Assisi.
Il secondo concerto per pianoforte ed orchestra di Rachmaninov.
La musica di Armando Trovajoli.
Certe colonne sonore di Morricone. Ma anche di Hans Zimmer. Ma anche di Nino Rota, Bacharach, Henry Mancini.
L'assolo di chitarra di Audrey Hepburn sulla finestra in Breakfast at Tiffany's.
Il ratto di Proserpina di Bernini.

Ce ne avrei molte altre, caspita.

Qualcuno vuol darmi suggerimenti?



(E per adesso buon week end, perché spengo il pc, dato che stanno per capitarmi un altro paio di cose per cui vale la pena vivere: uno, l'incontro con i miei amici di Spinoza domani sera; e soprattutto, due, tra un'ora e mezza scarsa, l'abbraccio di Angie che scende da un treno a Termini.)


24 commenti:

  1. Tra quelle dieci cose per cui vale la pena vivere
    ne hai dimenticata una: aver conosciuto quel rompiscatole di Aldo.
    Un abbraccio a te e ad Angie.

    RispondiElimina
  2. Avendo notato che Aldo non si smentisce mai, che hai chiuso il pc e che sei in tutt'altre faccende affaccendata, non mi resta che augurarti un buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, Aldo non si smentisce mai... Rientro oggi e ti auguro una buona settimana! :*

      Elimina
  3. giusto aver conosciuto aldo è una delle dieci cose ;-)

    ciao cri buon wk

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheh
      (che piacere averti qui, Zefirina! Buona settimana anche a te!)

      Elimina
  4. sarebbe quasi da farci un meme... non ce ne sono molte di cose per cui vale la pena vivere, forse la vita stessa ;) o scrivere, o i miei figli. Una passeggiata in riva al mare...
    Divertiti questo weekend, ciao bella (più bella di Woody Allen senz'altro) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai figli ci ho pensato anch'io (e vedo che ci ha pensato anche mia sorella, più sotto), ma ho deciso di enumerare solo "cose" e non "persone"... Volevo pensare a qualcosa che riguardasse solo me Cri, hic et nunc, e non la Cri in relazione ai rapporti con gli altri esseri umani :)

      Ciao, bellissima, ti auguro una grandiosa settimana :*

      Elimina
  5. ... senza nulla togliere ad altri illustri spinoziani, le battute di Frandi?

    RispondiElimina
  6. Le tue dieci cose per le quali vale la pena di vivere sono... piacere. Bellezza e piacere.
    Come la costa alta, quella che viene prima di altro, sul blu del mare, li' dove il giallo delle ginestre e il profumo dell'elicriso ti rapiscono.
    Beh, vale si' il piacere di vivere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che piacere, io direi gioia. Godimento. Meraviglia. Estasi.
      Massì, immagino che la tua definizione di "piacere" contempli tutto questo. E in questa accezione "piacere" mi va bene :D

      Elimina
  7. Sto discorso lo fece pure Saviano un anno fa, ricordi? "le cose per cui vale la pena vivere" bla bla bla. Non che questo ci vieti di partecipare al gioco eh. Alla fine compilare elenchi di sto tipo è sempre divertente, ci si casca sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non guardo la TV, Giulio, tu lo sai; e sai pure che Saviano non è assolutamente nel mio orizzonte mentale di riferimento ;)

      Elimina
  8. Le mie dieci cose per cui vale la pena vivere:
    I miei nipoti (li metto in una perché sono un pack indissolubile nel quale non potrei stabilire neanche il sospetto di una priorità dell'uno sull'altro).
    La felicità di mia sorella.
    La solidarietà di mio fratello Alf.
    L'affetto degli amici che mi vogliono bene.
    I miei alunni anche se mi dissanguano per tutto l'anno.
    La mia libertà da raggiungere.
    Il brivido di piacere che solo le persone invidiose, quando si scoprono, ti sanno dare.
    Il gusto di partecipare a un giochino stupido e banale, se prima di me l'ha fatto Woody Allen.
    Questo blog.

    Ooops, le mie dieci cose sono nove. Il mio numero fortunato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma c'è la decima, eccome. Non sono le battute di Frandi? ^^

      Elimina
  9. Ciao .... "Miss Gambe" @Cri ... che ti perdi nel mio quartiere natìo del Pigneto ! :-)
    Ti avevo mandato per e-mail qualcosa che ricordava la bellezza, e la storia, di questo quartiere ultrapopolare in cui lo snobismo intellettualoide cerca di aprire un varco .... senza riuscirci ( a mio avviso "errante" ), essendo e restando il Pigneto un quartiere che ha un senso, assai profondo, al netto dei ristoranti esotici, delle colorate facciate e/o insegne di negozi e delle filosofie esoteriche di chi non c' è nato ma ci si è rintanato seguendo la moda . Ci sono troppi fantasmi reali, fra quelle strade che odorano di asfalto e vecchi intonaci, di scheletri di fabbriche del bel tempo che fu, di cinema all' aperto nelle sere d' estate, di lacrime e di sangue dei suoi eroi sconosciuti, di giochi perduti fra la polvere del tempo di bambini di strada .... perchè si compia l' ennesima mistificazione indotta dalla moda in fregola, e si perda l' anima stradarola di questo quadrato di case e sogni !
    It's impossible, @Allen o non @Allen ... il Pigneto è - e resta - il Pigneto, in cui ancora si ode il rombo dei B50 americani che sganciavano bombe sugli abitanti inermi, e non Manhattan !!! :-)))
    Un suggerimento per il giochino qui ?!?
    Bene : sii sempre te stessa !!!
    @Bruno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bruno <3

      La tua mail - non puoi non esserne certo - è stata accolta con emozione, e attentamente letta... Non ti ho ancora risposto proprio perché non intendo rispondere con leggerezza. Quando scrivo non lo faccio mai - è stata, questa, un'attitudine che qua dentro mi ha anche procurato dispiaceri, in più di una circostanza :D - e tanto meno intendo farlo con te, con la ricchezza che mi doni, il sostegno che mi hai dato e mi dai ogni volta che mi lasci tracce del tuo mai abbastanza apprezzato passaggio... Ma lo farò quanto prima! Non dubitare :)

      Elimina
  10. Ciao bella Cri, grazie per questo post, è delizioso e questa musica sublime. Direi di te che.... fammi pensare... si, ecco, sei frizzante amica! Per quanto riguarda il Monticiano... ne è valsa proprio la pena conoscerlo.
    Baci e buon inizio settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Vania ^^
      Bella tanto, vero, la musica? Ha il potere di allargarmi il cuore ogni volta che la ascolto, è come un'onda di energia affettiva che si apre, si apre, si apre e si diffonde e ti dilata il respiro...
      Sul Monticiano son d'accordissimo con te!
      Ciao, buona settimana, ragazza dallo splendido sorriso. E manteniamoci così, frizzanti e saporite, e profumate di buono e scrocchiose, come diciamo a Roma del buon pane appena sfornato :D

      Elimina
  11. io direi le colonne sonore del solo Morricone,
    l'Italia nei suoi angoli sconosciuti,
    "The long and winding road" dei Beatles,
    "Laura" di Charlie Parker,
    le notti passate a ridere con gli amici senza un motivo,
    ammirare "chi sfida la natura con la forza incontrastata della scienza" e chi combatte l'oscurantismo e tutto ciò che è falso o ingiusto (categoria vastissima: Einstein, Falcone, Borsellino, gli Illuministi, De André...)
    riposare dopo pranzo - clima caldissimo eppure non sudi perché dopo la nuotata hai appena fatto la doccia - nella penombra in Calabria,
    Woody Allen (in quanto cosa e non in quanto persona :-) ),
    conoscere veramente le persone (cioè conoscere le loro storie, il loro percorso di vita),
    capire che ciò che è davvero importante nella vita non sono i princìpi ma sempre e solo il giusto contemperamento tra gli stessi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti quoto i Beatles, le notti con gli amici, la categoria degli eroi che sfidano l'oscurantismo, ma soprattutto LAURA! Meravigliosa canzone che da ragazza sapevo anche suonare... E ne faccio un post, guarda!

      Elimina
    2. certo che bisognerebbe fare una "lista delle 10 cose" per ciascun ambito: musica, arte, film, luoghi...
      per i Beatles ero indeciso su quale mettere... sarebbe stato più giusto mettere "I Beatles" in toto...
      stavo per scrivere "The long and winding road oppure I will" ma poi ho messo solo la prima perché è una delle pochissime canzoni - forse l'unica - che ogni volta che la ascolto... mi commuove (sì).

      se ti piace "Laura" e il jazz, devi aver visto "Bird", il film su Charlie Parker. stupendo.

      Elimina
    3. Ammetto con vergogna che no :blush:
      (rimedierò quanto prima, grazie! Io sono una cinefila patologica :D)

      Elimina