venerdì 11 maggio 2012

Un fine settimana un giorno

Questo blog, eccezionalmente, non verrà aggiornato almeno fino a domenica sera, per un evento ancor più eccezionale: parto per il fine settimana. Vado a Torino. Al salone del Libro. In treno, oltretutto.

Vado ad incontrare un po' di gente che è responsabile del mio sbarco sul web. Per fargliela pagare, ovviamente.

E' tutta colpa loro, difatti, se io, nel lontano 2008, ai tempi dell'orrenda dominazione Be&Bo, navigando in rete per distrarmi dai tristi casi italici, ho scoperto il blog, e poi il forum, di Spinoza.it, e mi sono innamorata della loro congrega di cazzoni. E' colpa loro se poi ho cominciato a conoscerne qualcuno - i peggio, all'inizio - virtualmente, e poi dal vivo, e da quelli a conoscere altra gente, virtualmente, e poi dal vivo, e così via, aggrovigliandomi sempre più, e procurandomi un sacco di guai.

E siccome sono masochista, voglio loro bene per questo.

Dal pensiero della colpa mi è venuto in mente Edoardo Bennato. Però non mi va di postare la sua canzone che parla di colpa. Preferisco quella che parla di treni, mi pare più appropriata.

Baci grandi a tutti, a presto.


Una settimana, un giorno o solamente un'ora
a volte vale una vita intera
il tempo passa in fretta e ti ruba
quello che hai.

Io non so parlare d'amore,
ma so che quando tu mi stringi le mani forte
vorrei che il tempo si fermasse
intorno a noi...

Vorrei che mai, mai, mai,
mai nessuno al mondo mai
potesse rubarti,
portarti via lontano, come ora quel treno
e so che mai, mai, mai,
mai nessuna donna mai
con uno sguardo solo,
saprà donarmi tanto...

Sensazioni che affollano la mente,
sensazioni dolci,
fatte di parole, baci...
fatte di suoni...

In un momento solo conoscerti, amarti
e già sapere che devi andare via
che devi andare via lontano,
che devi andare via.

Vorrei che mai, mai, mai,
mai nessuno al mondo mai
potesse rubarti,
portarti via lontano, come ora quel treno
e so che mai, mai, mai,
mai nessuna donna mai
con uno sguardo solo,
saprà donarmi tanto...

Sensazioni, sensazioni che
che nemmeno il tempo
potrà portarmi via

17 commenti:

  1. Ma come in treno? Non avevi detto in macchina? Vabbè dai, ci si vede lì ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Melanzana, ho da darti una notizia orrenda: sono nella carrozza accanto alla tua, pare :|

      Elimina
    2. E vabbè allora ditelo che mi schifate, pure Simone sta in quella ancora appresso. Mi sa proprio che stavolta mi tocca leggere ;)

      Elimina
  2. Buon viaggio, felici incontri e un saluto alla Mole Antonelliana per un dolce ricordo risalente al 1950.

    RispondiElimina
  3. accidenti… avrei voluto incontrare voi e To! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Seeee, seeee, non credere di cavartela così ;) :D

      Elimina
  4. Ciao Cri. Ancora non sono riuscita a smaltire il ritardo causato dalla pausa Roma! Bennato l'ho sempre adorato!
    Ma lo sai, vero, che noi (Sandra ed io) abbiamo da tempo organizzato un incontro tra blogger a Santarcangelo, al Museo del Bottone.
    Perché non ci vieni anche tu? Sarebbe bello rivedersi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ambra carissima! Sul ritardo ti comprendo e come, io mi trovo arretrati monumentali qua dentro :D

      Sarebbe bellissimo rivedersi! Purtroppo non credo che l'economia familiare mi permetta due week end spensierati di fila. Ma seguo i vostri blog attentamente, la prossima occasione non me la lascerò sfuggire!

      Elimina
  5. Risposte
    1. Lo è (la è?) stata davvero! Ah, Tazza mia, ora che ho slacrimato finalmente pure sul caneporco mi manchi solo tu ^^

      Elimina
  6. @Criiiiiii .... ehm .... tornasti ?!?

    Tornasti alfìn a riveder le stelle
    rivalicando il Po ed a ritroso
    voltando il trèn per giunger allo sposo
    che t' attendèa ed alle amiche belle ?
    Qui Roma piange ... al non vederti in loco
    e scalda il Sòl ... così come fà il fuoco
    quando la nostalgìa invade il sangue
    e per l' amica lontana il cuore langue .
    Certo Torino è bella, e la sua fiera
    attrae non pochi col suo gran salone,
    ma non ha il màr, nè stelle quand' è sera
    al sol mirarle ... danno un' emozione .
    Dunque, se sei tornata, dicci tutto ...
    qual fù il viaggio e quali i tuoi pensieri,
    se col ricordo òr son più leggeri
    e più gioioso appàr il lor costrutto !
    Ma se malinconia t' è ancor d' accanto
    ed imperversa coi suoi crudi strali,
    sappi che qui non si smarrì l' incanto
    e che i tuoi amici son rimasti tali !!! :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bruno :)))
      E' da ieri che mi scervello per trovare un degno commento ad una cosa tanto bella. Non trovo nulla di adeguato. Solo una profonda gratitudine.
      :*

      Elimina